MENU > HOME
Filtra Ricerca
Filtra Per Anno

Dettaglio Comunicato

Comunicati > Telecomunicazioni > Operatori TLC > Dettaglio
02 Agosto 2021 Tim - Piano spazi veneto

Nella giornata di martedì 27 luglio u.s. si è tenuto, in modalità di videoconferenza, un incontro tra i Responsabili di Risorse Umane Nord Est e le Segreterie Regionali di SLC CGIL, FISTel CISL, UILCOM UIL, UGL Telecomunicazioni unitamente alla RSU, per affrontare il Piano Spazi Veneto, progetto che per TIM, porterà ad un recupero economico (risparmio manutenzioni, pulizia, acqua, luce etc.) e all’ottimizzazione degli spazi presenti nelle restanti sedi.
L’Azienda ha evidenziato che il nuovo progetto di riorganizzazione non comporterà trasferimenti interprovinciali e/o intercomunali di personale specificando che gli spostamenti avverranno a Belluno, Padova e Treviso in coincidenza del rientro nelle sedi aziendali previsto per il 13 settembre p.v. e a Venezia e Verona “indicativamente” entro dicembre 2021. Gli stabili in chiusura rimarranno attivi solamente come sedi amministrative per i Tecnici On Field e presidi magazzini gestione scorte di rete:
• Belluno: chiusura sede via Matteotti con spostamento di 2 lavoratori in via Barozzi.
• Padova: chiusura sede via Della Bisca e spostamento dei 6 lavoratori in via Donà, chiusura della sede di via Vigonovese e spostamento di 11 lavoratori nelle sedi di via Donà e Settima Strada.
• Treviso: chiusura sede via Dandolo con spostamento di 14 lavoratori in via Sante Zanon.
• Verona: chiusura Palazzina A di via Belluzzo con spostamento di 11 lavoratori nella Palazzina B della stessa sede.
• Venezia: chiusura sedi via Irpina (18 risorse) e Sestiere Santa Croce (1 risorsa) con spostamento dei 19 lavoratori in via Torino; chiusura sedi di P.le Donatori di Sangue, via Carducci e via Meucci con spostamento di 248 lavoratori in via Esiodo e via Torino.
A seguito delle richieste di chiarimento sulla destinazione dei lavoratori delle sedi di Mestre centro in chiusura, giovedì 29 luglio u.s. TIM, per le vie brevi, ha fornito i seguenti primi chiarimenti:
• Nella sede di Mestre via Esiodo verranno trasferiti il Servizio di Portineria e l’ASSILT (dove verranno predisposti locali idonei per consentire all’Associazione di fornire il servizio con le modalità attuali).
• Dalla sede di Mestre via Esiodo alla sede di via Torino, nell’ottica di perseguire il ricongiungimento funzionale del personale in base alla struttura di appartenenza ed alla contiguità organizzativa con altre funzioni, saranno trasferiti 51 lavoratori delle strutture It & Digital Solutions, It security Engineering and Applic. Mgmt, Network & services engineering e Sales Consum and Small & Medium Nord Est.
La RSU FISTel CISL nel ricordare a TIM quanto fatto per mitigare le ricadute sui lavoratori trasferiti nella sede disagiata di Mestre via Esiodo nel recentemente piano spazi di Venezia: attivazione sala refezione con pasti caldi autoveicolati e parcheggi interni per i turnisti; internvento nei confronti del Comune di Venezia per incrementare le corse mezzi pubblici, realizzare un parcheggio scambiatore, non attivare parcheggi a pagamento strisce blu e/o parcheggi strisce bianche a disco orario; nonché l’ottenimento di nuovi stalli biciclette dedicati nell’area interna dietro la Biblioteca Civica VEZ in villa Erizzo nel centro di Mestre, ha chiesto ai Responsabili Aziendali quanto segue:
• Accogliere le domande di trasferimento volontarie per avvicinamento al territorio di residenza a prescindere dal settore di appartenenza, prevedendo anche l’attivazione del telelavoro e deroghe alle ordinarie modalità di smart working (in caso di ripristino della disciplina ordinaria sul lavoro agile).
• Dalla stazione di Mestre attivare per i pendolari un servizio gratuito di bike e scooter sharing (mobilità condivisa con l’utilizzo di biciclette tradizionali a pedalata muscolare, e-bike a pedalata assistita e monopattini elettrici) per raggiungere la sede disagiata di via Esiodo.
• Riattivazione, nel rispetto del protocollo condiviso delle misure per il contrasto e il contenimento della diffusione del virus COVID-19 negli ambienti di lavoro, delle sale ristoro, delle mense aziendali e del servizio pasti caldi autoveicolati.
• Nella sede disagiata di Verona via Belluzzo, in caso di non riattivazione del servizio mensa da parte del gestore per l’esiguo numero di coperti, attivazione del servizio pasti caldi autoveicolati e realizzazione di una nuova sala refezione/bar nella palazzina B.
• Nella sede disagiata di Mestre via Esiodo ampliare la sala refezione attraverso il recupero dello spazio attiguo attualmente adibito a magazzino materiali nonché attivare nuove convenzioni per l’utilizzo dei buoni pasto con gli esercenti della zona proponendo, se necessario, “come incentivazione” sconti in fattura per le linee telefoniche.
Infine, la RSU FISTel CISL ha invitato i Responsabili Aziendali di TIM ad attivarsi fin da subito con il Comune di Venezia al fine di nuovo confronto con il Mobility Manager comunale atto a favorire iniziative volte a promuovere la mobilità sostenibile, in particolare negli spostamenti sistematici casa-lavoro verso la sede disagiata di Mestre via Esiodo.
Le RSU Telecom Italia Unità Produttiva Veneto di FISTel CISL
La Segreteria Regionale FISTel CISL Veneto

Tim - Piano spazi veneto Telecomunicazioni > Operatori TLC